RavelloSense  
 
 

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

  La bellezza come bussola e l’emozione come esclusivo e raffinato senso dell’orientamento per un viaggio che non ha eguali.

Per la prima volta, e complice una mappa assolutamente unica, né il punto di partenza né la meta sembrano momenti necessari, ma solo attimi compositivi di un percorso costante.

   
 
 
  home       Info Turistiche       Utilita'       Attivita' Turistiche       News ed Eventi IL CONSORZIO                            CONTATTI  
 
 
           
Warning: include(inc_info/main/.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/info.php on line 96 Warning: include(inc_info/main/.php): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/info.php on line 96 Warning: include(): Failed opening 'inc_info/main/.php' for inclusion (include_path='.:/php5.3/lib/php/') in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/info.php on line 96     Cenni Storici
Villa Rufolo
Villa Cimbrone
Il Duomo
Le Chiese
Il Museo del Corallo
Auditorium Oscar Niemeyer

 

infos      
       
   

 

Popolazione Residente
2.508 (M 1.226, F 1.282)

Densità per Kmq: 313,9
(Censimento Istat 2001)

CAP
84010

Prefisso Telefonico
089

 

 
       

 

 

Ravello
Cenni Storici
 

Edificata su un alto sperone dei Monti Lattari, a strapiombo sul mare aperto della Costa d’Amalfi, Rebellum, l’odierna Ravello, era già fiorente nella tarda antichità. Probabilmente risalgono all’epoca romana le prime evidenze architettoniche che nell’alto medioevo si tramuteranno in splendide dimore: tra queste un posto di grande rilievo spetta a villa Rufolo e villa Cimbrone. Entrambe le dimore sono strettamente collegate alle vicende storiche degli ultimi mille anni di storia di una delle città più straordinarie della provincia di Salerno: la Repubblica Marinara di Amalfi.

 
 

Per scelta o per ribellarsi al giogo del Doge d’Amalfi, alcune famiglie dell’aristocrazia locale, scelsero Ravello per la sua felice posizione naturale, in bilico tra cielo e mare. Era possibile il controllo delle vie di terra che la collegavano da un lato alla Valle del Sarno, dall’altro ad Amalfi, attraverso i valloni dei torrenti Regina e Dragone.

             
       
             

Un ruolo fondamentale assunse anche l’edificazione del Duomo nell’anno 1087, nella piazza centrale del Vescovado, da parte di Nicolò Rufolo, consacrato dal primo vescovo ravellese, Orso Papice. La storia cittadina raggiunse l’apice durante il XII ed il XIII secolo, basti pensare che Bernardo di Chiaravalle intorno al 1137 la ricorda come: “inespugnabile…opulentissima…tra le prime e nobili città…”. Come per gli altri borghi della costa, il processo lento di tracollo economico e politico fu segnato dalla dominazione normanna, fino a che nel corso del XVII secolo perse ogni potere. A partire però dalla fine del Settecento, il rinnovato interesse per l’amenità dei luoghi e le vestigia delle antichità classiche, da parte degli esponenti dell’aristocrazia di sangue, d’arte e d’intelletto, riportò lentamente Ravello sulla scena e sulle rotte del “Grand Tour d’Italie”.

Cominciarono a soggiornare, a godere del panorama e della salubrità dell’aria, celebri personaggi, musicisti e scrittori, tanto da riconsegnare Ravello a quell’Europa colta che stava riscoprendo l’Italia intera.

 
 

 

 
       
   
 
 
  Ravello Sense Logo
  Consorzio di Promozione Turistica Ravello-Scala scarl
Viale Gioacchino D’Anna, 5
84010 Ravello (SA) . Italia - p.iva 04663660654
Tel.: 089 857731 . 089 8421975 . Fax: 089 8422705
e-mail: - pec: ravellosense@pec.it