RavelloSense  
 
 

Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 

Ecco, non potrebbe mai esserci solitudine in tanta bellezza.

L’unico sforzo richiesto a chi arriva per la prima volta o a chi torna con lo stesso senso di stupore del compagno pioniere, è di lasciarsi andare, di scegliere una direzione e non fermarsi a quella, di contenere con uno sguardo, e poi con una sensazione o con un gesto d’amore, ciò che questa terra può offrire.

   
 
 
  home       Info Turistiche       Utilita'       Attivita' Turistiche       News ed Eventi IL CONSORZIO                            CONTATTI  
 
 
               
 
   
  Ravello Festival
  Ravello Concert Society
  Scala Incontra New York
   

 

News
Pacchetti
RavelloSense Card
Newsletter

 

 

       
 
News ed Eventi
<< Back

Deprecated: Function eregi() is deprecated in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/news_cn/inc/functions.inc.php on line 20 Deprecated: Function eregi() is deprecated in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/news_cn/show_news.php on line 41 Deprecated: Function eregi() is deprecated in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/news_cn/inc/shows.inc.php on line 54 Deprecated: Function eregi() is deprecated in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/news_cn/inc/shows.inc.php on line 54 Deprecated: Function eregi() is deprecated in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/news_cn/inc/shows.inc.php on line 54 Deprecated: Function eregi() is deprecated in /web/htdocs/www.ravellosense.com/home/news_cn/inc/shows.inc.php on line 54

Mostra a cura di Domenico Montalto presso la Pinacoteca del Duomo di Ravello
A due anni dalla mostra antologica presso la Fondazione Mazzotta di Milano (a cura di Luciano Caramel, catalogo Edizioni Gabriele Mazzotta), la nuova esposizione personale dell’artista Gianluigi Brancaccio, ospitata nella storica Pinacoteca del Duomo di Ravello, si propone come un evento caratterizzato dalla presenza di lavori inediti e da un aggiornamento e approfondimento critico a più voci sull’opera dell’artista.
 
La mostra “Gianluigi Brancaccio. Archetipi della pittura”, a cura di Domenico Montalto, sarà riproposta in altre due prestigiose sedi: il Museo diocesano “Francesco Gonzaga” di Mantova, scrigno della civiltà gonzaghesca (febbraio 2011) e la Galleria Angelica dell’omonima Biblioteca storica alle dipendenze del MIBAC, nel cuore di Roma (marzo - aprile 2011).
 
La Pinacoteca del Duomo, situata nel centro di Ravello, all’interno del complesso architettonico della Cattedrale, è sede della prima tappa di questo tour espositivo che si connota come un evento d’arte di portata nazionale. 
 
“Ravello ha sempre rappresentato il luogo degli incontri letterari ed artistici che hanno saldamente collegato fra loro generazioni culturali, soltanto apparentemente distanti, consentendo alla nostra città di divenire quel melting pot internazionale che contribuisce ad un’incancellabile ‘attualità loci’. In tale direzione va l’assai interessante iniziativa espositiva, promossa con l’Associazione culturale Duomo di Ravello, volta a mostrare la ricerca espressiva di Gianluigi Brancaccio”. (dal testo in catalogo di Paolo Imperato, Sindaco di Ravello).
 
Il percorso esistenziale e culturale dell’artista è esemplificato in mostra da un corpus di opere, parecchie delle quali inedite, che restituiscono il senso del fondamento Novecentista dell’opera di Gianluigi Brancaccio, tracciandone i punti di forza. 
La sua vocazione di artista risale all’adolescenza. Nipote di Giovanni Brancaccio, eminente pittore del Novecento italiano e Direttore dell’Accademia di Belle arti di Napoli, Gianluigi Brancaccio, durante i suoi molti viaggi internazionali, frequenta maestri come Radice, Carrà, Prampolini, Gentilini, il Gruppo Cobra e lo storico atelier calcografico Lacourière di Parigi, mettendo a punto una propria inconfondibile figurazione ricca di poesia, colore, arcaismo, ispirata alle Avanguardie storiche del XX secolo. 
 
“Brancaccio è autore di profonda e sostanziale cultura, di importanti frequentazioni. I suoi dipinti e le sue grafiche – aspetti diversi e peculiari di un unico, felice e ininterrotto clima creativo – rivestono di forme attuali e suggestivamente singolari il verbo più eminente del moderno, ovvero quell’arcaismo, quell’ispirazione primitivista che consentì a Modigliani, Picasso, Matisse, Léger, Marino, Wotruba, Moore, Zadkine di fondare un’idea nuova del visibile, sconvolgendo irreversibilmente i canoni convenzionali del classicismo e del naturalismo” (dal testo in catalogo di Domenico Montalto). 
 
Le opere dell’artista sono “Istantanee di un viaggio, percorsi iniziatici all’interno di una coscienza che si è andata formando tra le stanze del Novecento, asimmetriche, instabili, tanto anguste e altrettanto ariose ed immense, le stanze ansiose di un tempo irreale che ne ha imprigionati tanti altri […]. Brancaccio possiede il passaporto anagrafico di chi c’era e la sensibilità esistenziale di chi si è sentito parte nella vicenda e, quindi, testimone responsabile e ponte generazionale” (dal testo in catalogo di Claudio Caserta).
 
La mostra offre una rassegna dei temi ricorrenti nella produzione dell’artista che rivisitano alcuni archetipi centrali del novecentismo. 
“Il suo è un repertorio di corpi muliebri che occupano l’intera composizione, vasti come paesaggi e architetture, di matrone e di Giunoni opulente e accidiose in posture pigre o per contro acrobatiche, contorte, di giocolieri, di icari e di maschere, di angeli e di demoni dalle anatomie dinoccolate e massive, di odalische semplificate a pure silhouettes di colore. 
 
Insomma un’umanità primigenia e titanica, evocata con ductus pittorico sensuale, saturo di passionalità, nonché di ebrezza, ardore, estasi, rapimento, carnalità” (dal testo in catalogo di Domenico Montalto). 
Un repertorio vasto, esemplificato in mostra da una selezione di opere storiche e recenti, fra le quali: Estasi su fondo blu 2005; Poupée 2008; Odalisca 2009; Anime perse 2009; Odalisque fond noir 2009, nella sezione dedicata alla grafica. 
 
Negli ultimi tempi Brancaccio ha affrontato in Bretagna il tema dei menhir di Carnac, rocce forti e totemiche, di tutte le sfumature del grigio, che si innalzano su fondo azzurro intenso in una luce accecante. Tale produzione recente è rappresentata in mostra dall’opera Menhir di Carnac 2008. 
L’esposizione è corredata da un catalogo edito da Lubrina Editore, in cui più voci offrono uno spaccato dell’esperienza umana e artistica e della poliedrica personalità di Gianluigi Brancaccio. 
 
Chiara Gatti, nel suo testo dedicato all’importante produzione grafica dell’artista, illustra così la sua vocazione alla sintesi formale: “Nella grafica Brancaccio fa pulizia. Predilige il segno puro, anche quando concede all’acquatinta di dialogare sullo sfondo”.
 
Nel suo testo, Isabella de Stefano si sofferma sulle “Figure” ritratte dall’artista: “Impenetrabili a qualsiasi approfondimento psicologico, i soggetti descritti dall’artista sono idoli arcaici, irraggiungibili e distanti, sovente colti in pose contorte e disarticolate, talvolta anche allusive (Estasi su fondo blu). Figure stravolte a cui non è di certo estranea una visionarietà onirica, sorprese nell’angoscia di un’inquietudine esistenziale che procede di pari passo con il sovvertimento di ogni regola spaziale e prospettica (Hallucination visuelle)”.
 
A completare il variegato percorso critico presente in catalogo, un testo-intervista di Andrea D’Agostino ci rivela l’anima più intima dell’artista. D’Agostino, nell’ultima domanda rivolta a Brancaccio, pone l’accento su un particolare ricorrente nelle figure rappresentate dall’artista: “Le dita delle mani e dei piedi sono sempre aperte, come a voler ghermire l’aria o a volersi espandere nello spazio. È proprio così?”. 
“Dita e mani, sempre aperte, esprimono per me la tensione dell’anima e del corpo”. (Gianluigi Brancaccio)
 
La mostra sarà aperta al pubblico dal 3 al 31 ottobre 2010 sarà presente l’artista.
Interverranno Paolo Imperato, Sindaco di Ravello Mons. Giuseppe Imperato, Duomo di Ravello Domenico Montalto, critico d’arte e giornalista Claudio Caserta, critico d’arte e giornalista
 
Inaugurazione sabato 2 ottobre 2010 - ore 18.00
 
Piazza del Duomo di Ravello (Salerno) Pinacoteca del Duomo – Complesso della Cattedrale
 
Organizzazione, coordinamento comunicazione, Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni Bianucci Cinelli studio – Milano
 
Progetto dell’allestimento Arch. Bruna Solinas
 
Realizzazione dell’allestimento MA e MA di Marino Licheri
 
Progetto grafico e impaginazione del catalogo MA e MA di Marino Licheri
 
Catalogo Lubrina Editore con testi di: Domenico Montalto, Critico d’arte e giornalista Paolo Imperato, Sindaco del Comune di Ravello Mons. Roberto Brunelli, Direttore Museo diocesano “Francesco Gonzaga” di Mantova Fiammetta Terlizzi, Direttore Biblioteca Angelica di Roma Claudio Caserta, Critico d’arte e giornalista Gianna Ciao Pointer, saggista Viana Conti, Critico d’arte Andrea D’Agostino, Storico dell’arte e giornalista Isabella de Stefano, Storico dell’arte - Ufficio Comunicazione e Promozione Culturale (Biblioteca Angelica, Roma) Chiara Gatti, Storico dell’arte e giornalista.
 
Prossime sedi
Mantova - Museo diocesano “Francesco Gonzaga”
Inaugurazione 5 febbraio 2011 - dal 6 al 27 febbraio 2011
 
Roma - Galleria Angelica (dell’omonima Biblioteca) 
Inaugurazione 17 marzo 2011 - dal 18 marzo al 3 aprile 2011 
 
Foto Odalisca 2009 – olio su tela
 
 
       
   
 
 
  Ravello Sense Logo
  Consorzio di Promozione Turistica Ravello-Scala scarl
Viale Gioacchino D’Anna, 5
84010 Ravello (SA) . Italia - p.iva 04663660654
Tel.: 089 857731 . 089 8421975 . Fax: 089 8422705
e-mail: - pec: ravellosense@pec.it
 
Facebook  twitter